martedì 2 aprile 2013

PASQUA SENZA

Di solito era in un angolo, chiacchierava talmente tanto che si cercava di limitarne i danni  e la si faceva sedere in un posto strategico, ma lei sapeva farsi benvolere, a dispetto della sua parlantina incessante, perchè ha la grande e rarissima dote di sapere ascolatare l' altro. Ma quest' anno è andata in tilt, la sua mente ha deciso che era tempo di deviare dalla norma ( e che noia questa norma!) e così, nel giro di pochissimi mesi, si è ritrovata da donna di 77 anni che faceva di tutto e di più, per sè e per gli altri, ad un'anziana signora che a volte si ricorda come si fa a stare sulla retta via, ma a volte anche no. E'  mia zia Carla, la sorella di mia mamma, non ha avuto figli e i suoi figli siamo noi, la sua famiglia, le persone alle quali vuole più bene. Questa è stata la prima Pasqua senza poterla vedere seduta a chiacchierare di continuo, i suoi occhi posati orgogliosi sui miei figli, amati come se fossero suoi, il suo modo di mangiare con la testa chinata, come a volersi assicurare che non fosse rimasto nulla nel piatto, lei che sa l'importanza del cibo, perchè ha conosciuto la fame. Questa è stata la prima Pasqua senza.

 Questo è l'Agriturismo "Da Bacè", un posto davvero carino che mi ha conquistatato fin dalla porta d'ingresso....




A testimonianza che mia figlia non era sola, ma con il suo compagno fedele: il cellulare che non ha lasciato un attimo....



E questo è il ragazzo più festeggiato del momento ;)
 Buona Pasqua passata a tutti, e voi siete pronti a rituffarvi nella quotidianità fatta di lavoro e orari da rispettare,  ma anche di piccole e grandi gioie che da sole bilanciano il tutto?







2 commenti:

  1. FANTASTICO QUESTO BLOG ... SEI FANTASTICA COGNATA!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehh lo sapevo...la parentela gioca brutti scherzi! ;))

      Elimina